LA NOSTRA
GUIDA

Scegliere la cucina richiede più conoscenze di qualsiasi altro prodotto d’arredamento. Nella guida all’aquisto diamo informazioni ed aiuti che consentono di fare una scelta consapevole.

Ergonomia in Cucina Torino 4Nello spazio cucina si compie un numero così elevato di azioni che, se non si ha tutto a portata di mano ed in posizione comoda, alla fine ci si ritrova stanchi ed affaticati; l’assunzione di posizioni scorrette si può trasformare, con il passare del tempo, in fastidiosi dolori fisici soprattutto per chi trascorre gran parte del suo tempo in cucina. Un’analisi ergonomica del modello che si vuole acquistare è assolutamente indispensabile; sarebbe sconveniente scoprire dopo l’installazione, di aver acquistato mobili e accessori non idonei.

Per avere un buon rapporto con la propria cucina è necessario che il piano di lavoro sia della giusta altezza e che ci consenta di lavorare in posizione eretta, che i pensili siano posizionati in modo da farci raggiungere gli oggetti all’interno con estrema facilità, che gli spazi degli angoli siano facilmente accessibili, che le luci siano posizionate in modo adeguato per rendere visibile la parte operativa, che le aperture dei mobili, soprattutto quelle dei pensili, siano comode e leggere, che le maniglie consentano una presa facile e sicura, che le profondità siano adeguate agli oggetti da contenere, che gli elettrodomestici siano posizionati alla giusta altezza, che lo zoccolo sia arretrato rispetto al frontale della cucina permettendoci così di lavorare in posizione eretta e di evitare posture scorrette per la schiena.

Ergonomia in Cucina Torino Ergonomia in Cucina Torino 2 Ergonomia in Cucina Torino 3

 

Ergonomia in Cucina Torino 5Le profondità di basi e pensili. Una maggiore profondità nella base vi consentirà di ottenere un’area di lavoro più ampia, i pensili più distanti dalla testa e quindi una visuale più libera.

 

 

 

 

 

Ergonomia in Cucina Torino 6I pensili all’altezza. Se la base è più profonda l’accesso ai pensili può migliorare. Immagina il percorso dal lavello al colapiatti del piatto gocciolante. Una posizione più bassa dei pensili facilita l’accesso e la vista al loro interno.

 

 

 

 

 

Ergonomia in Cucina Torino 7Il canale attrezzato. È un elemento modulare che aumenta la profondità della base di 16.5 cm., permette di creare uno spazio più aperto sul piano di lavoro e di conseguenza offre una maggiore visibilità. Integrabile con diverse possibilità di organizzazioni: porta utensili, porta coltelli, porta bottiglie, porta prese per piccoli elettrodomestici…

 

 

 

 

Ergonomia in Cucina Torino 8La cappa ergonomica. La forma della cappa può entrare in collisione… con chi cucina. Bisogna scegliere la cappa secondo la propria altezza: che ci consenta libertà di movimenti e la vista del piano cottura.

 

 

 

 

 

Ergonomia in Cucina Torino 8 Ergonomia in Cucina Torino 10Una grande isola al centro di uno spazio aperto assolve le funzioni del preparare, lavare e cucinare. Appoggia su uno zoccolo alto 18 cm che rientra su tutta la circonferenza per permettere di accostare più agevolmente il corpo al piano di lavoro. Soluzione altamente professionale: nelle tecnologie di cottura e di aspirazione, nell’organizzazione degli spazi, nell’efficienza delle soluzioni, nella libertà di movimento.

 

 

 

 

Ergonomia in Cucina Torino 11Le altezze utili. Il modello di cucina da scegliere deve disporre di basi di diverse altezze, per adeguarsi alla statura della persona che usa la cucina. La stessa considerazione vale anche per l’altezza dei pensili ed il loro posizionamento a parete.

 

 

 

 

 

Ergonomia in Cucina Torino 12Luce a centro stanza. Il punto luce a centro stanza non può illuminare correttamente tutte le zone della cucina: chi opera spalle alla luce fa ombra proprio sul piano di lavoro.

 

 

 

 

 

 

Ergonomia in Cucina Torino 14I faretti su mensolone. Nemmeno i faretti su mensolone sono la soluzione migliore: sono troppo vicini alla testa dichi opera e stancano la vista. E inoltre le ante aperte possono surriscaldarsi per la vicinanza e mettere in ombra il piano di lavoro.

 

 

 

 

 

Ergonomia in Cucina Torino 15La luce sottopensile. Essendo i pensili la zona ideale per installare una fonte luminosa che integri sia la luce d’ambiente che quella centrale della cucina, proponiamo il fondo pensile luminoso. Soluzione ottimale, illuminano correttamente tutto il piano di lavoro.

 

 

 

 

 

Ergonomia in Cucina Torino 16La mensola luminosa. Offre due servizi la bella mensola luminosa, il primo di utile contenimento, il secondo di sicura visibilità. Attrezzata con una lampada fluorescente che illumina senza disturbare gli occhi, posizionata a metà fra il pensile e il piano di lavoro, compensa il cono d’ombra creato dall’illuminazione centrale, assicurando una perfetta visibilità.

 

 

 

 

 

image-16Le aperture utili. Nella scelta di un pensile generalmente concentriamo la nostra attenzione sulla capacità del contenere, trascurando alcune caratteristiche altrettanto importanti, come ad esempio le aperture. La Pedini propone alcuni sistemi di apertura pensati per dare massima praticità e libertà di azione come: le ante vasistas, le basculanti, quelle a libro e le scorrevoli tutte consigliate per i pensili, poichè possono rimanere aperte durante le operazioni di cucina senza mai intralciare i movimenti. Così i pensili diventano capaci dispense con accesso immediato, le ante vengono richiuse solamente a fine lavoro evitando“l’apri e chiudi” dei sistemi tradizionali e riportando l’ordine in cucina.

 

 

 

 

image-17L’anta vasistas. Riduce l’ingombro in fase di apertura, crea accesso ad ampi spazi. L’apertura è assistita da pistoni oleodinamici regolabili. Con il sistema adottato e consigliato anche alle persone di bassa statura.

 

 

 

 

 

image-18L’anta basculante. Il sistema di apertura basculante trattiene l’anta in posizione aperta, e consente di accedere all’interno dei pensili senza alcun impedimento. Funziona con un semplice gesto.     Ergonomia in cucinaL’anta complanare. Ha apertura a scorrimento orrizzontale su un perfetto sistema di guide. Offre una visibilita totale e dei liberi movimenti, ergonomicamente perfetta, è consigliata soprattutto in spazi limitati proprio perché l’ingombro delle ante é ridotto al minimo.

 

 

 

 

image-19L’anta complanare. Ha apertura a scorrimento orrizzontale su un perfetto sistema di guide. Offre una visibilita totale e dei liberi movimenti, ergonomicamente perfetta, è consigliata soprattutto in spazi limitati proprio perché l’ingombro delle ante é ridotto al minimo.

 

 

 

 

 

image-20L’anta scorrevole. In vetro su telaio in alluminio, è una soluzione leggera che funziona su guide di scorrimento e ruotine in nylon.

 

 

 

 

 

 

image-21L’anta battente. È la più tradizionale, economica e facile da applicare. Nei pensili e in posizione aperta può creare impedimento ai movimenti ed alla vista. Se si desidera l’apertura totale chiedere cerniere a 170°.